2.044.869 

dal 19/11/1999  

START | Storia | Produzione | Clienti/Serie | Motori | Titolari | Società | Factory | Album | Albo d'Oro | Formula 1 | Altre categorie
L'angolo del Professor | Calendario | E-mail | Servizi | McLaren BlogF1 |
Tutto McLaren - L'angolo del Professor
2018

Australia Bahrain Cina Azerbaijan Spagna Monaco Canada Francia Austria Gran Bretagna 
Germania Ungheria Belgio Italia Singapore Russia Giappone Stati Uniti Messico Brasile 
Abu Dhabi 

<

GP di Abu Dhabi 2018

Conclusione della stagione agonistica negli Emirati Arabi percorrendo il lungo circuito, appositamente studiato, tra lussuosi alberghi, fantastiche piscine ed ambiente cinematografico di contorno.

Mercedes domina ancora anche se Bottas viene penalizzato da problemi verosimilmente elettronici tanto da dover accontentarsi di una modesta quinta posizione all'arrivo.

Peggio ancora è andata però a Raikkonen appiedato con la sua Ferrari proprio nella giornata conclusiva della sua permanenza nel Team di Maranello: lo attendiamo con altre vetture anche se sarà difficile per lui condurre una monoposto di pari caratura.

Vince in carrozza Hamilton senza particolarmente forzare sugli altri, ma lasciandoli avvicinare, verso la conclusione, tanto da permettere a Vettel di conquistare il giro veloce: aria di festa per tutti.

Verstappen sino alla fine ci ha proposto i suoi sorpassi impossibili dimostrandosi l’agonista di sempre e candidandosi come il giovane più aggressivo, specie ora che la sua Red Bull è finalmente in grado di insidiare veramente il duopolio Mercedes / Ferrari.

Spettacolare incidente quello che ha coinvolto Hulkenberg, per altro senza conseguenze al pilota, a conferma di un raggiungimento di protezione veramente efficace anche nelle più pericolose circostanze.

Addio di Alonso alla F.1 alla guida, in questi ultimi anni, di una vettura dal grande passato, ma con un futuro altrettanto incerto.

Ricciardo sempre a posto a confermarsi pilota veloce e sicuro, quando il mezzo gli consente di esprimersi grazie all'affidabilità dello stesso.

Vettel al secondo posto si trova ad esprimere, a pochi secondi dal vincitore, l’attualità di questa stagione agonistica: manca ancora un passettino, ma…occorre farlo.

Nel corso della settimana entrante inizieranno le prime modifiche già in vista del 2019, compresi gli scambi tra i piloti tra le varie scuderie: chi si ferma è perduto.

Ci risentiremo per aggiornamenti vari durante l’inverno, quando si scambiano gli auguri per il Natale.

Un cordiale, fervido saluto dal Vostro

Fabrizio Pasquali

Tutto McLaren - L'angolo del Professor - Menu

E-mail

“ Quei temerari a ruote scoperte “ - ( Formula Uno in pillole )