1.803.384 | 13717  

dal 19/11/1999  

START | Storia | Produzione | Clienti/Serie | Motori | Titolari | Società | Factory | Album | Albo d'Oro | Formula 1 | Altre categorie
L'angolo del Professor | Calendario | E-mail | Servizi | McLaren BlogF1 |
Tutto McLaren - L'angolo del Professor
2017

Australia Cina Bahrain Russia Spagna Monaco Canada Azerbaijan Austria Gran Bretagna 
Ungheria Belgio Italia Singapore Malesia Giappone Stati Uniti Messico Brasile Abu Dhabi

<

GP del Brasile 2017

Finale di stagione in sordina ad Interlagos con entrambi i titoli mondiali assegnati ed interesse riservato ai punteggi residui delle aree di rincalzo, per altro utilissimi per la spartizione della “torta” .

A movimentare la scena ci ha pensato Hamilton, con la sua uscita di strada in Q1 che lo ha costretto a partire dai box dopo aver sostituito mezza vettura.

Bottas, dal canto suo, ha perso le ultime speranze del secondo posto ai danni di Vettel, dato che il Tedesco in Ferrari è scattato benissimo al via, rimanendo in testa praticamente per tutta la gara.

Gli unici spunti agonistici di rilievo sono stati i numerosi sorpassi di Hamilton, tanto più spettacolari quanto in un circuito tortuosissimo in cui non è facile superare: l’Inglese è riuscito a classificarsi quarto, addirittura in vista dei tre del podio, Raikkonen, Bottas ed il meritevole vincitore Vettel.

Parata di stelle nei sorpassi con i campioni del mondo Raikkonen, Hamilton, Vettel, Alonso, buon ottavo questi su quella McLaren che si dovrà vedere nel 2018, rimanendo tuttora un’incognita l’incremento di potenza che riuscirà ad ottenere.

Non eccezionali le Red Bull pur su un circuito abbastanza adatto ai loro mezzi ed uscite di strada spettacolari da parte di molti concorrenti, tanto da impegnare la “safety car” per molti giri nella prima fase di gara.

E’ormai inevitabile che ogni Team pensi quindi alla prossima stagione, ai nuovi ingaggi, alle conferme, ma soprattutto agli incrementi di potenza dato che, allo stato attuale, Mercedes si dimostra ancora in modo abbastanza sensibile di caratura maggiore.

E’ inutile pensare e recriminare sulla stagione che sta per finire, dato che l’ultimo appuntamento servirà, come del resto è stato questo, a ripartire i finali economici nelle carature previste dalle regole vigenti.

Concluderemo la rassegna delle gare tra due settimane negli Emirati Arabi,

con viva cordialità, Fabrizio Pasquali

Tutto McLaren - L'angolo del Professor - Menu

“ Quei temerari a ruote scoperte “ - ( Formula Uno in pillole )