2.204.664 

dal 19/11/1999  

START | Storia | Produzione | Clienti/Serie | Motori | Titolari | Società | Factory | Album | Albo d'Oro | Formula 1 | Altre categorie
L'angolo del Professor | Calendario | E-mail | Servizi | McLaren BlogF1 |
Tutto McLaren - L'angolo del Professor
2019

Australia Bahrain Cina Azerbaijan Spagna Monaco Canada Francia Austria Gran Bretagna 
Germania Ungheria Belgio Italia Singapore Russia Giappone Messico Stati Uniti Brasile Abu Dhabi

<

GP della Cina 2019

>

Terza doppietta consecutiva per Mercedes e questa volta senza particolari pensieri, malgrado una strategia non sempre felicissima ( cambi gomma non oggettivamente tempestivi e tatticamente azzeccati ).

Ferrari, dal canto suo, ha confermato l’ottimo cavallino di razza ( Leclerc ) , per altro masochisticamente trattato male a tal punto che, in lizza per il terzo posto, ha finito per classificarsi quinto, mentre Verstappen ringrazia Maranello, piazzandosi così al terzo posto nella classifica piloti.

Questo per favorire Vettel che, in verità, non commette particolari errori, ma che oggi meritava di finire alle spalle del compagno di scuderia.

Red Bull sembra puntare sul solo Verstappen, malgrado Gasly, all’arrivo sesto, ma quasi doppiato, si permetta di guadagnare il punto del giro veloce soffiandolo proprio a Vettel.

Ancora vivo e pimpante Raikkonen su Alfa Romeo, esprimendo classe e freddezza, doti di cui è ancora capace che, assieme all’esperienza, non possono che migliorare le prestazioni del mitico Marchio.

Un incidente alla partenza ha compromesso le prestazioni di McLaren, che, per altro non ha finora dimostrato nulla di particolarmente ragguardevole.

Con il ritorno in Europa è auspicabile che, favorita la logistica, qualcosa si possa migliorare in affidabilità e, di conseguenza, le vetture tutte verrebbero maggiormente portate ad essere maggiormente sfruttate per il totale potenziale in grado di esprimere.

Una considerazione sugli pneumatici: tutti non sembrano aver particolare conoscenza delle prestazioni degli stessi nella loro diversa tipologia, per cui sarebbe auspicabile, ove possibile, che Pirelli riunisse i tecnici con particolare riferimento alle caratteristiche peculiari di ogni modello, ciò al fine di ottimizzare il rapporto vettura/pneumatici, basilare soprattutto con il regolamento vigente.

Arrivederci i Russia, con gli auguri più fervidi per le prossime Festività,

dal vostro Fabrizio Pasquali

Tutto McLaren - L'angolo del Professor - Menu

E-mail

“ Quei temerari a ruote scoperte “ - ( Formula Uno in pillole )