2.101.847 

dal 19/11/1999  

START | Storia | Produzione | Clienti/Serie | Motori | Titolari | Società | Factory | Album | Albo d'Oro | Formula 1 | Altre categorie
L'angolo del Professor | Calendario | E-mail | Servizi | McLaren BlogF1 |
Tutto McLaren - L'angolo del Professor
2019

Australia Bahrain Cina Azerbaijan Spagna Monaco Canada Francia Austria Gran Bretagna Germania Ungheria Belgio Italia Singapore Russia Giappone Messico Stati Uniti Brasile Abu Dhabi

<

GP del Bahrain 2019

>

Lo stesso Toto Wolff ha descritto la doppietta Mercedes odierna con la più classica delle espressioni ormai entrate nel vocabolario comune, compreso quello dei Vip : “ Che c..o “.

Personalmente sarei meno legato al concetto di fortuna, perché, analizzando da vicino i momenti topici della gara, Vettel si è imbarcato per sovrasterzo in un gratuito testacoda, con le conseguenze che abbiamo tutti visto, tra cui il danneggiamento del flap anteriore, mentre Leclerc è rimasto vittima di un pauroso calo di potenza della sua Ferrari per un verosimile guasto nel frazionamento del potenziale nell’ambito delle ripartizioni del motore ibrido.

Fino a quel punto Ferrari assai competitive come pure i piloti, con Leclerc a fare da lepre, sicuro ed inavvicinabile, confermandosi uno splendido e prezioso acquisto in Casa Maranello.

Modena quindi a cospargersi il capo di cenere, fallendo sia a livello umano che in quello tecnico.

Mercedes, dopo l’errore dell’inutile pit stop di Hamilton, che montava una gomma rossa per la seconda volta, è rimasta vettura di prima fascia, ma senza impressionare particolarmente: positiva però la continuità delle prestazioni, con Bottas invece più in ombra che in Australia.

Verstappen fa quello che può, come unico vero combattente capace della Red Bull, dato che quest’anno il Team non può contare su Ricciardo, strano pilota dagli alterni comportamenti prestazionali.

McLaren ed Alfa Romeo tra le migliori di seconda fascia con Renault ancora bene da decifrare: i piloti dei team minori sembrano comunque ben determinati e combattivi come hanno dimostrato nei vari duelli tra loro in fase di sorpasso e di prestazioni in generale: ad maiora.

Arrivederci tra due settimane in Cina, dal Vostro

Fabrizio Pasquali

Tutto McLaren - L'angolo del Professor - Menu

E-mail

“ Quei temerari a ruote scoperte “ - ( Formula Uno in pillole )