2.184.938 

dal 19/11/1999  

START | Storia | Produzione | Clienti/Serie | Motori | Titolari | Società | Factory | Album | Albo d'Oro | Formula 1 | Altre categorie
L'angolo del Professor | Calendario | E-mail | Servizi | McLaren BlogF1 |

M23

1973

by Coppuck

Telaio (Telai M23-1, 2, 3, 4) Il telaio in alluminio, come imposto da regolamento, presentava una struttura deformabile che doveva assorbire l'urto in modo graduale. I cassoni laterali dei radiatori erano integrati nel telaio. Il serbatoio era in caucciù ed era protetto da due strati di alluminio alleggeriti, separati da un gel.  Il radiatore dell'olio era sotto l'alettone posteriore. Aveva un passo di 256,5 cm, la carreggiata anteriore di 166 cm e la posteriore di 154 cm.
Sospensioni Le sospensioni erano improntate su quelle della M19, con bilancieri in acciaio che rendevano la compressione degli ammortizzatori progressiva, aumentando la rigidità all'aumentare del carico. In questo modo si impediva che gli ammortizzatori andassero a tampone. Le sospensioni anteriori erano composte da triangoli alla base, da due bilancieri in alto, ammortizzatori verticali e barra antirollio regolabile. Al posteriore la sospensione prevedeva biellette in alto, triangoli rovesciati in basso e due tiranti paralleli, barra antirollio. La scatola guida era collocata dietro il triangolo delle sospensioni.
Motore Ford-Cosworth DFV che sviluppava 465 CV a 10.500 giri/min ed era preparato dalla Nicholson-McLaren Engines.
Cambio Hewland FG 400, manuale a 5 rapporti.
Pneumatici Good Year

 

v
   M23 >