2.121.246 

dal 19/11/1999  

START | Storia | Produzione | Clienti/Serie | Motori | Titolari | Società | Factory | Album | Albo d'Oro | Formula 1 | Altre categorie
L'angolo del Professor | Calendario | E-mail | Servizi | McLaren BlogF1 |
Tutto McLaren - Formula 1 - Piazzamenti

Piazzamenti

Pilota: Vittorie | Pole Position | Giro Più Veloce | Hat Tricks | Squalifiche | Vittoria dalla Pole | Non Qualificato | Non via | Forfait

Team: Doppietta | Scala Reale | Prima fila

Classifiche: Piloti | Telai | Motori

Piloti 
GP 
Modelli 

Motori 

  

Nelson Souto-Mayor Piquet

Brasiliano, nato a Rio de Janeiro il 17 agosto 1952. Debutta in Formula 1 il 30 agosto 1978 in occasione del GP di Germania (Hockenheim), al volante di una Ensign-Ford N177 (ritiro al 31° giro per problemi al motore). Lo stesso anno disputa tre gare con la McLaren, per poi passare alla Brabham, scuderia alla quale rimane legato per ben sette stagioni. Nel 1980 arrivano i primi successi e le prime pole position, mentre l'anno successivo il brasiliano è già iridato, dopo una lotta all'ultimo respiro con i piloti della Williams Carlos Reutemann ed Alan Jones. Nelson fa il bis due stagioni dopo, stavolta ai danni dello sfortunato Alain Prost, portando al titolo per la prima volta nella storia una monoposto a motore turbo, nonostante alcune contestazioni relative alle benzine utilizzate dalla Brabham nel corso del campionato. Nel biennio seguente, sebbene riesca ad agguantare altri tre successi e ben dieci partenze al palo, lo “Zingaro” non ottiene piazzamenti di rilievo in classifica e, così, decide di passare alla Williams per la stagione 1986. La vettura di Grove si rivela a tratti imprendibile e, infatti, il titolo Costruttori è assicurato da Piquet e dal compagno Nigel Mansell con discreto anticipo, tuttavia, ad entrambi sfugge l'alloro Piloti, che va nelle mani di Prost su McLaren, in seguito ad un rocambolesco ultimo GP ad Adelaide. Nel 1987 si ripropone una lotta interna tra gli alfieri della Williams, che stavolta però non lasciano spazio agli avversari, ed alla fine la spunta il brasiliano, che viene incoronato per la terza volta, nonostante un minor numero di successi rispetto al più coriaceo Mansell. Nel biennio 1988-1989 il tricampione decide di passare alla Lotus, totalizzando però soltanto tre podi, a fronte del lento declino dello storico team inglese. Nel 1990 si accasa, dunque, alla Benetton e, grazie a due vittorie nel finale di campionato, riesce a collocarsi alle spalle di Ayrton Senna ed Alain Prost in graduatoria. L'anno dopo ottiene il suo ultimo trionfo, in Canada, e l'emergere del giovane e talentuoso compagno di squadra Michael Schumacher lo porta al ritiro a fine stagione, dopo 204 gare disputate, 23 vittorie, 24 pole position, 23 giri veloci e 60 podi.

Questo pilota non si è mai classificato in zona punti con una McLaren.

Ha corso in McLaren nel 1978.

  

Tutti i piazzamenti, Pole, GPV, Non via, NQ, SQ