2.204.934 

dal 19/11/1999  

START | Storia | Produzione | Clienti/Serie | Motori | Titolari | Società | Factory | Album | Albo d'Oro | Formula 1 | Altre categorie
L'angolo del Professor | Calendario | E-mail | Servizi | McLaren BlogF1 |
Tutto McLaren - Formula 1 - Piazzamenti

Piazzamenti

Pilota: Vittorie | Pole Position | Giro Più Veloce | Hat Tricks | Squalifiche | Vittoria dalla Pole | Non Qualificato | Non via | Forfait

Team: Doppietta | Scala Reale | Prima fila

Classifiche: Piloti | Telai | Motori

Piloti 
GP 
Modelli 

Motori 

  

Emerson Fittipaldi

Brasiliano, nato a San Paolo il 12 dicembre 1946. Debutta in Formula 1 il 18 luglio 1970 in occasione del GP di Gran Bretagna (Brands Hatch), al volante di una Lotus-Ford 49C (8°). Lo stesso anno, a Watkins Glen, conquista la sua prima vittoria in carriera e, così, viene confermato dal team di Hethel anche per la stagione successiva, nella quale coglie tre podi. Nel 1972, grazie ad una monoposto strepitosa quale la 72D, “Emmo” agguanta il suo primo titolo mondiale a soli 25 anni, un record di precocità iridata che rimarrà intatto sino al 2005. L'anno dopo la Lotus si rivela altrettanto performante ma, dopo un inizio promettente caratterizzato da tre successi in quattro gare, il brasiliano ed il compagno di squadra Ronnie Peterson subiscono il ritorno arrembante di Jackie Stewart, il quale sottrae ad entrambi l'alloro nel Campionato Piloti, nonostante il team nero ed oro riesca, in ogni caso, ad aggiudicarsi la Coppa Costruttori. Nel 1974 Fittipaldi decide, dunque, di approdare in McLaren, dove viene dotato di una vettura solida e performante come la M23. A fronte di tre successi e quattro podi e dopo un testa a testa al cardiopalma con il ferrarista Clay Regazzoni, “O Rato” fa il bis, consentendo alla scuderia di Colnbrook di aggiudicarsi non solo il primo Titolo Piloti ma anche di affermarsi nel Costruttori, con il contributo di Denny Hulme. La stagione seguente, tuttavia, non va oltre due vittorie, terminando alle spalle dell'iridato Niki Lauda in classifica. A questo punto, il bicampione decide di mettere su un proprio team insieme al fratello Wilson, denominato inizialmente Copersucar e poi Fittipaldi. Dal 1976 al 1980, però, Emerson colleziona un solo podio (3° a Long Beach '80) e qualche sporadico piazzamento a punti. Abbandonata la Formula 1 con 144 GP all'attivo, 14 vittorie, 6 pole position, 6 giri veloci e 35 podi, il brasiliano svolge il ruolo di team manager della propria squadra ma, a fronte dell'inevitabile ritiro di quest'ultima a fine 1982, si dedica alla serie CART dal 1984 al 1996, aggiudicandosi il titolo nel 1989 e la 500 Miglia di Indianapolis, inserita nel calendario della categoria, nel 1989 e nel 1993. Attualmente è impegnato nella Grand Prix Masters, riservata ai vecchi campioni della F1, e fa parte del team brasiliano nella A1 Grand Prix.

 
#

ANNO

GP PIAZZAMENTI VETTURA MOTORE

1

1974 

Brasile

1° 

M23

Ford-Cosworth

2

" 

Spagna

3° 

M23

Ford-Cosworth

3

" 

Belgio

1° 

M23

Ford-Cosworth

4

" 

Monaco

5° 

M23

Ford-Cosworth

5

" 

Svezia

4° 

M23

Ford-Cosworth

6

" 

Olanda

3° 

M23

Ford-Cosworth

7

" 

Gran Bretagna

2° 

M23

Ford-Cosworth

8

" 

Italia

2° 

M23

Ford-Cosworth

9

" 

Canada

1° 

M23

Ford-Cosworth

10

" 

USA

4° 

M23

Ford-Cosworth

11

1975 

Argentina

1° 

M23

Ford-Cosworth

12

" 

Brasile

2° 

M23

Ford-Cosworth

13

" 

Monaco

2° 

M23

Ford-Cosworth

14

" 

Francia

4° 

M23

Ford-Cosworth

15

" 

Gran Bretagna

1° 

M23

Ford-Cosworth

16

" 

Italia

2° 

M23

Ford-Cosworth

17

" 

USA

2° 

M23

Ford-Cosworth

Con la McLaren ha conquistato 100 punti.

Ha corso in McLaren dal 1974 al 1975.

  

Tutti i piazzamenti, Pole, GPV, Non via, NQ, SQ