2.121.246 

dal 19/11/1999  

START | Storia | Produzione | Clienti/Serie | Motori | Titolari | Società | Factory | Album | Albo d'Oro | Formula 1 | Altre categorie
L'angolo del Professor | Calendario | E-mail | Servizi | McLaren BlogF1 |
Tutto McLaren - Formula 1 - Piazzamenti

Piazzamenti

Pilota: Vittorie | Pole Position | Giro Più Veloce | Hat Tricks | Squalifiche | Vittoria dalla Pole | Non Qualificato | Non via | Forfait

Team: Doppietta | Scala Reale | Prima fila

Classifiche: Piloti | Telai | Motori

Piloti 
GP 
Modelli 

Motori 

  

Martin John Brundle

Inglese, nato a King's Lynn (Norfolk) il 1 giugno 1959. Debutta in Formula 1 il 25 marzo 1984 in occasione del GP del Brasile (Jacarepagua), al volante di una Tyrrell-Ford 012 (5°). Nonostante alcune ottime prestazioni, tra cui un podio a Detroit, i risultati dell'ex-rivale di Ayrton Senna in F3 vengono cancellati dalle classifiche iridate a causa di illecito sportivo da parte del team di Ockham. Inoltre, Brundle è in ogni caso costretto a saltare la seconda parte di campionato a causa di un incidente nel quale si frattura entrambi i piedi, proprio nel Gran Premio degli USA Ovest, in cui la Federazione smaschera lo “sporco” stratagemma della sua squadra. Ristabilitosi, rimane legato alla scuderia britannica sino al termine della stagione 1986, per poi passare alla Zakspeed l'anno successivo e dedicandosi alle gare Sport-Prototipi nel 1988, stagione in cui prende parte ad un solo appuntamento iridato, a Spa-Francorchamps, a bordo della Williams. Nel 1989 Martin ottiene il ruolo di primo pilota in una Brabham ormai decaduta, dove agguanta quattro punti, ma l'anno successivo decide di non partecipare al Mondiale. Ritorna così nel Circus un anno dopo (1991), sempre alla guida di una Brabham poco competitiva motorizzata Yamaha, concludendo la stagione con appena due miseri punti all'attivo. Nel 1992, però, la sua carriera subisce una svolta: viene, infatti, contattato dalla Benetton, che lo assume come seconda guida. L'inglese arriva a conquistare ben cinque podi ed una serie di nove risultati utili consecutivi, terminando addirittura il campionato al sesto posto (suo miglior risultato in carriera). Nelle quattro stagioni successive, tra il 1993 ed il 1996, cambia volante altrettante volte, passando dalla Ligier alla McLaren, per poi ritornare nel team francese ed archiviare la propria carriera con la Jordan. In tale periodo, ottiene altri tre podi ed esce fortunatamente illeso da un secondo terribile incidente, occorsogli in occasione del GP d'Australia 1996. Al di fuori della Formula 1, Brundle può vantare successi nel Campionato Sport-Prototipi (1988), alla 24 Ore di Daytona (1988) ed alla 24 Ore di Le Mans (1990), tutti e tre grazie alla Jaguar. Attualmente, ricopre il ruolo di commentatore sportivo ed intervistatore per la BBC.

 
#

ANNO

GP PIAZZAMENTI VETTURA MOTORE

1

1994 

Monaco

2° 

MP4/9

Peugeot

2

" 

Ungheria

4° 

MP4/9

Peugeot

3

" 

Italia

5° 

MP4/9

Peugeot

4

" 

Portogallo

6° 

MP4/9

Peugeot

5

" 

Australia

3° 

MP4/9

Peugeot

Con la McLaren ha conquistato 16 punti.

Ha corso in McLaren nel 1994.

  

Tutti i piazzamenti, Pole, GPV, Non via, NQ, SQ